Ricorso alla CEDU per il riconoscimento della Fibromialgia . Aiutateci ad aiutarvi !

Cari soci, cari visitatori del sito,

come sapete AISF ONLUS sin dalla sua nascita ha come missione il riconoscimento della Fibromialgia come malattia invalidante sia a livello nazionale che regionale.

In questo senso stiamo battendo tutte le strade percorribili nelle istituzioni (leggi qui a riguardo) e potete star certi che non ci fermeremo finchè l’obiettivo non sarà raggiunto.

La nuova iniziativa a cui vi chiediamo di partecipare attivamente è il ricorso alla CEDU (Corte Europea per i Diritti dell’Uomo), con cui vogliamo investire la Corte di Strasburgo del “problema Fibromialgia in Italia” e indurre così lo Stato Italiano ad equipararci finalmente ai pazienti fibromialgici di tutta Europa (qui la pagina Web del ricorso)

Per dare forza e sostanza al ricorso, per spingere la Corte ad esaminarlo, abbiamo bisogno del vostro aiuto, ecco come:

  1. Stampate il file contenente il ricorso, lo potete scaricare cliccando qui
  2. Compilatelo in ogni sua parte (pagine 2,3 e 18)
  3. Allegate copia dei vostri documenti di identità e copia della vostra documentazione medica che attesti la diagnosi di sindrome fibromialgica
  4. Spedite il tutto in busta chiusa con raccomandata estera al seguente indirizzo:

    Monsieur Le Greffier de la Cour europèenne des droits de l’homme – Conseil de l’Europe – 67075 STRASBOURG CEDEX FRANCE

  5. MOLTO IMPORTANTE: la spedizione deve essere necessariamente effettuata solo e soltanto nel seguente giorno: 22/12/2017 , al fine di realizzare un unico invio collettivo da ogni parte d’Italia.
  6. Teniamo a ribadire che naturalmente nessun costo, spesa o onorario verrà chiesto ai ricorrenti,  come specificato dallo studio legale che ci assiste

Vi ringraziamo fin da ora per il sostegno e il supporto che saprete dare a quest’iniziativa.

AIUTATECI AD AIUTARVI !