AISF ONLUS al Congresso SIR – Rimini, 27-30 novembre 2019

Cari amici,
anche quest’anno AISF ONLUS è presente al Congresso annuale della SIR (Società Italiana di Reumatologia), che si tiene al Palacongressi di Rimini dal 27 al 30 Novembre 2019.

Oltre al consueto stand informativo e alla partecipazione al “Congresso delle Associazioni dei pazienti”, gli stati generali delle associazioni dedicate alle patologie reumatiche, AISF ONLUS grazie ai suoi referenti medici è parte attiva nella sessione: “Verso la caratterizzazione e la definizione della gravità della Fibromialgia”.

Una sessione estremamente importante nella quale, oltre agli ultimi lavori scientifici in materia (studio osservazionale sulla cannabis terapeutica, efficacia della ossigenoterapia iperbarica, ecc…), sono stati presentati i risultati dello studio multicentrico sui criteri di gravità della malattia. Lo studio, commissionato un anno fa alla SIR dal Ministero della Salute, è strumentale all’inserimento della Fibromialgia nell’elenco delle malattie croniche e invalidanti.

Leggi la notizia su Quotidiano Reumatologia

***


I VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLO STUDIO

Un anno fa – spiega il prof. Fausto Salaffi – il Ministero della Salute ha chiesto alla SIR di definire i livelli di severità della Fibromialgia.
In questi 12 mesi sono stati raccolti i dati di oltre 2000 pazienti attraverso il coinvolgimento di 19 centri in tutta Italia. I dati sono preliminari alla costruzione del primo Registro Nazionale dei pazienti con Fibromialgia. Il Registro sarà a disposizione di tutti i reumatologi afferenti alla SIR e consentirà di valutare e gestire gli aspetti clinici e terapeutici dei pazienti.
Scopo finale di questo lavoro è il riconoscimento della Fibromialgia come patologia cronica e invalidante. 


Il Registro per i malati fibromialgici – spiega il dott. Luigi Sinigaglia – è un passo fondamentale per il riconoscimento della Fibromialgia come malattia cronica, e relative esenzioni.

La SIR negli ultimi 6 mesi ha lavorato attivamente per la Fibromialgia perché c’era “l’esigenza storica” di farlo e le condizioni erano favorevoli per portare a termine questo importante risultato.