Attività della Sezione AISF Bagheria-Palermo

Cari amici,

di seguito vi presentiamo alcune delle tantissime attività svolte dalla Sezione AISF ONLUS Bagheria-Palermo

Per essere sempre aggiornati sulla presenza di AISF in Sicilia vi consigliamo di seguire l’apposita pagina Facebook  nonchè di contattare direttamente la sezione se volete partecipare agli eventi organizzati

Screening aperto, moda e solidarietà – 9 febbraio 2019

Il 9 febbraio giornata ricca e piena di iniziative per AISF ONLUS.

Durante l’intera giornata, in collaborazione con il Rotary Club di Bagheria, la sezione Bagheria-Palermo ha promosso uno screening aperto alla cittadinanza per l’accertamento della sindrome fibromialgica con consulenze reumatologiche e antalgiche legate alla patologia. I controlli sono stati eseguiti dagli specialisti dott.ssa Monica Sapio, dott.ssa Giuliana Guggino e dott. Daniele Buttitta. Notevole è stata l’affluenza di pubblico, femminile e non solo, del luogo ma anche provenienti da fuori provincia.

Sempre il 9 febbraio alle ore 21 ha avuto luogo la serata Moda e solidarietà presso l’ex Chiesa di San Mattia dei Crociferi, organizzata dal Cams Events per AISF ONLUS e voluta fortemente  dalla Presidente Ana Cristofalo. Durante la sfilata di moda, che ha mostrato i modelli della collezione Ana Cris, Giusy Fabio referente di AISF Sezione Bagheria Palermo più volte è stata invitata a parlare dell’importanza dell’associazione come mezzo di aiuto e supporto per i pazienti fibromialgici e dell’importante missione che l’associazione svolge per il riconoscimento della patologia. Il numeroso pubblico presente ha contribuito con libere donazioni per sostenere il lavoro volontario dell’Associazione.

LE FOTO DELLA GIORNATA


La sindrome fibromialgica: diagnosi senza markers – Modica, 9 marzo 2019

Il 9 marzo a partire dalle ore 9.30 si è svolto presso l’auditorium P. Floridia di Modica (RG) il convegno dal titolo: “La sindrome fibromialgica: diagnosi senza markers“. Presenti i referenti di AISF ONLUS e relatori di alto livello che lungo tutta la giornata hanno trattato i vari ambiti della patologia.

La fibromialgia è tra le cause più comuni di dolore cronico diffuso. E’ presente come entità clinica autonoma in tutte le classificazioni internazionali del dolore cronico ed è riconosciuta praticamente in tutti i paesi a livello di sistema sanitario pubblico o a livello assicurativo privato, con alcune eccezioni come l’Italia. In relazione ai criteri diagnostici utilizzati, la prevalenza oscilla intorno al 2-3 % della popolazione.

I pazienti che sviluppano la fibromialgia presentano una storia clinica di dolore cronico persistente su tutto il loro corpo. Il paziente predisposto al dolore fibromialgico manifesta molti episodi di dolore cronico nella sua vita; infatti i pazienti fibromialgici spesso riferiscono cefalea, dismenorrea, disfunzione temporo-mandibolare, fatica cronica, cistite interstiziale/sindrome dell’uretra irritabile, colon irritabile e altre sindromi dolorose regionali (ad es. cervicalgia e lombalgia). Quello che al medico potrebbe apparire come una manifestazione acuta può essere semplicemente un’altra regione del corpo associata, occasionalmente o in maniera permanente, al dolore cronico diffuso della fibromialgia.

La sindrome fibromialgica manca di alterazioni di laboratorio o di specifici biomarcatori, di conseguenza la diagnosi dipende principalmente dai sintomi che il paziente riferisce. Negli ultimi 20 anni, tuttavia, la fibromialgia è stata meglio definita attraverso studi che hanno stabilito gli aspetti eziopatogenetici della sindrome. Questi studi hanno dimostrato che certi sintomi, come il dolore muscolo-scheletrico diffuso e la presenza di specifiche aree algogene alla digitopressione (tender points), la stanchezza cronica, i disturbi del sonno e alterazioni neurocognitive sono presenti nei pazienti affetti da sindrome fibromialgica e non comunemente nelle persone sane o in pazienti affetti da altre patologie reumatiche dolorose, e sono connesse a modificazioni della soglia di percezione del dolore (sindrome da sensibilizzazione centrale) accompagnate ad alterazioni neuroendocrine e/o psico-affettive.

Il programma del convegno


Presentazione del progetto di ricerca Nordic Walking – Palermo, 11 marzo 2019

L’11 marzo alle ore 17.30 si è svolta presso l’Università degli Studi di Palermo la conferenza di presentazione del progetto di ricerca “Prospective controlled randomized study to evaluate the efficacy of Nordic Walking tecnique in patients affected by fibromyalgia“.

Responsabili e coordinatori del progetto sono il prof. Piercarlo Sarzi Puttini, la prof. Giuliana Guggino, il prof. Filippo Macaluso e il prof. Francesco Cappello; insegnanti di Nordic Walking sono i chinesiologi Donatella Bonafede, Letizia Fedele e Lidia Mazzola.

La fibromialgia è una malattia poco conosciuta, caratterizzata da dolore muscolo-scheletrico, cronico e diffuso. Il Nordic Walking è un cammino a ritmo sostenuto con l’ausilio di bastoncini d’appoggio in appositi percorsi all’aria aperta. Il progetto prevede di valutare se il NW, di intensità da moderata ad alta, può essere considerato un esercizio fisico capace di migliorare l’attività funzionale e il dolore in pazienti con fibromialgia.

La locandina della conferenza